Ancora sulla lingua di Sereni