«Un quadro auttentico di Domenico Brusasorci» e altre cose: note per la committenza veronese fra cinque e seicento