La metrica e la “voce” di Barbarani