La musica come pregio e ornamento: Dufay e le corti malatestiane