L'ultima diva: Ornella Muti fra trasparenza e opacità