Una lettera folenghiana di Giorgio Pasquali a Luigi Messedaglia