Il postmodernismo: l’accettazione ironica del doppio senso