Al culmine del processo che dal Cortegiano di Castiglione, attraverso la fortuna del “Segretario” di Sansovino, si sviluppa nei trattati di Torquato Tasso, di Giulio Cesare Capaccio o di Angelo Ingegneri, intrecciandosi al filone spagnolo di "Avisos de príncipes", troviamo nei primi decenni del Seicento una serie di opere che riflettono sulla dignità e l’autonomia intellettuale del segretario. Durante l’epoca di Filippo III, il segretario, sempre più ridotto a colto scritturale e sostituito dal "privado", è oggetto di un proliferare di testi che affidano alla sua proteiforme figura di consigliere privilegiato del re la possibilità di assicurare pace e prosperità alla monarchia spagnola

L’inchiostro e la spada. Il segretario nella trattatistica spagnola tra Cinque e Seicento

GAMBIN, Felice
2008-01-01

Abstract

Al culmine del processo che dal Cortegiano di Castiglione, attraverso la fortuna del “Segretario” di Sansovino, si sviluppa nei trattati di Torquato Tasso, di Giulio Cesare Capaccio o di Angelo Ingegneri, intrecciandosi al filone spagnolo di "Avisos de príncipes", troviamo nei primi decenni del Seicento una serie di opere che riflettono sulla dignità e l’autonomia intellettuale del segretario. Durante l’epoca di Filippo III, il segretario, sempre più ridotto a colto scritturale e sostituito dal "privado", è oggetto di un proliferare di testi che affidano alla sua proteiforme figura di consigliere privilegiato del re la possibilità di assicurare pace e prosperità alla monarchia spagnola
9788882298067
segretario; trattati; Spagna Secoli d'Oro
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/310435
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact