I ponti "costruiti": riflessioni sull'esempio veronese