Ripetizioni e ambiguità nella «Liberata»