Francesco Guardi, il ‘picturesque’ e il mito di Venezia