Tra verbale e pittorico: il gioco con l'ombra ne I misteri del giardino di Compton House