Ripensando la "linguistica cartesiana"