"Fidarsi è bene, non fidarsi...è peggio": pratiche della fiducia in un contesto veronese