Ettore Tito: frammenti dalla corrispondenza, esaltazioni critiche e "massacri"