Da Balbo a Cavour: la nuova classe dirigente piemontese