Agostino Gallo nella cultura del Cinquecento