"Quel fatal contagio": la traduzione moderna nel dibattito sul "gusto presente"