Lo specchio di Platone e gli specchi di Merleau-Ponty. Sul “fondo immemoriale del visibile”, l’onirismo della percezione e il pensiero della pittura