L'"industria" femminile: dalla figlia del visìr alla contessa d'Artois