Peter Bichsel o la storia come pretesto