Ripensare lo spazio Politico: quale aristocrazia?