E’ Dio che non parla più agli uomini o sono gli uomini che hanno perduto l’ardire di parlare con Dio (e non semplicemente su di Lui)? Le differente riflessioni sul problema di Dio che gli autori di questa pubblicazione ci propongono – teologi, filosofi e sociologi –confluiscono tutte nella consapevolezza che non è possibile mettere le mani su Dio. Per questo il discorso su Dio deve ricominciare dall’esperienza e non può più arenarsi in una sola logica di concetti: «Noi cominciammo a filosofare per orgoglio – scriveva Fichte, nel 1795, in una lettera a Jacobi – e fummo portati a perdere la nostra innocenza; abbiamo scoperto la nostra nudità e da allora noi filosofiamo per bisogno della nostra salvezza»

L'esperienza di Dio. Filosofi, sociologi e teologi a confronto

MORANDI, Emmanuele;
1995

Abstract

E’ Dio che non parla più agli uomini o sono gli uomini che hanno perduto l’ardire di parlare con Dio (e non semplicemente su di Lui)? Le differente riflessioni sul problema di Dio che gli autori di questa pubblicazione ci propongono – teologi, filosofi e sociologi –confluiscono tutte nella consapevolezza che non è possibile mettere le mani su Dio. Per questo il discorso su Dio deve ricominciare dall’esperienza e non può più arenarsi in una sola logica di concetti: «Noi cominciammo a filosofare per orgoglio – scriveva Fichte, nel 1795, in una lettera a Jacobi – e fummo portati a perdere la nostra innocenza; abbiamo scoperto la nostra nudità e da allora noi filosofiamo per bisogno della nostra salvezza»
9788871150543
secolarizzazione; trascendenza; mistica
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/244903
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact