Giovani, droga e rapporto educativo