A proposito di neo-utilitarismo e neo-contrattualismo