Alcune osservazioni sui due testamenti di Guglielmo Castelbarco (1316 e 1319)