Augusto Serena nella tradizione erudita veneta e trevigiana