Sulle tracce dell'Aristotele "politico" nel Rinascimento