L’attualità dell’«edificante» per poter ancora sperare