La finitudine dell'uomo, l'onnipotenza di Dio e il senso dell'essere. Da Kierkegaard a Heidegger