Sul ruolo delle categorie logiche della limitazione nell’interpretazione hegeliana della Romanitas