Sul problema della considerazione matematica dell'infinito e del continuo in Aristotele e Hegel