Le metamorfosi del gemello: Hafis Nameh nel Divan occidentale-orientale di Goethe e la traduzione di Joseph von Hammer.