Sul ‘responsum’ di Aristone in D. 2,14,7,2: l’elaborazione del concetto di causa del contratto