King John o della proliferazione della parola