La naturalizzazione della morte: un fenomeno di "post" modernità?