Il volume vuole introdurre nel dibattito sociologico italiano un autore il cui vigore speculativo è riuscito non solo a congedare le presunzioni epistemiche del positivismo sociale, ma ad elaborare un paradigma della scienza sociale che apre fronti fino ad ora inesplorati. Si tratta di Eric Voegelin (Colonia 1901- Stanford 1985), autore che nel corso della sua feconda attività intellettuale ha dedicato al problema dei fondamenti della sociologia un incredibile spazio di riflessione. L’intensa amicizia con autori come Schütz e l’interessantissimo scambio epistolare con Parsons – che per la prima volta viene offerto al pubblico italiano come appendice al volume – danno ragione dello sforzo di Voegelin nell’elaborare un concetto di scienza sociale che, riportandosi all’ontologia classica, tenta di proporre una “altra” sociologia. Molti infatti pur prendendo le distanze dal positivismo sociologico non possono praticamente rinunciarvi, proprio perché per fare ciò è necessario ripensare ai fondamenti della scienza, in particolare della scienza sociale. Su questa strada si muove la ricerca di Voegelin, ricerca che merita a tutti gli effetti, e non per semplici suggestioni letterarie, il titolo di un “altra” sociologia. L’autore di questo volume ha voluto spingerci nelle inquietudini di questa faticosa elaborazione, nella speranza che la sfida sia raccolta e finalmente affrontata

La società accaduta. Prolegomeni ad una nuova "scienza sociale" in Eric Voegelin. In appendice l'epistolario Eric Voegelin-Talcott Parsons

MORANDI, Emmanuele
2000

Abstract

Il volume vuole introdurre nel dibattito sociologico italiano un autore il cui vigore speculativo è riuscito non solo a congedare le presunzioni epistemiche del positivismo sociale, ma ad elaborare un paradigma della scienza sociale che apre fronti fino ad ora inesplorati. Si tratta di Eric Voegelin (Colonia 1901- Stanford 1985), autore che nel corso della sua feconda attività intellettuale ha dedicato al problema dei fondamenti della sociologia un incredibile spazio di riflessione. L’intensa amicizia con autori come Schütz e l’interessantissimo scambio epistolare con Parsons – che per la prima volta viene offerto al pubblico italiano come appendice al volume – danno ragione dello sforzo di Voegelin nell’elaborare un concetto di scienza sociale che, riportandosi all’ontologia classica, tenta di proporre una “altra” sociologia. Molti infatti pur prendendo le distanze dal positivismo sociologico non possono praticamente rinunciarvi, proprio perché per fare ciò è necessario ripensare ai fondamenti della scienza, in particolare della scienza sociale. Su questa strada si muove la ricerca di Voegelin, ricerca che merita a tutti gli effetti, e non per semplici suggestioni letterarie, il titolo di un “altra” sociologia. L’autore di questo volume ha voluto spingerci nelle inquietudini di questa faticosa elaborazione, nella speranza che la sfida sia raccolta e finalmente affrontata
9788846418319
sociologia; antropologia; teologia
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/22742
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact