Continuità o rottura tra moderno e postmoderno?