La Carta tra diritto e politica