Esiste, in taluni individui, una inestirpabile propensione al delitto? Se sì, è forse possibile enuclearla in termini scientifici? E che dignità potrebbe vantare, in tal caso, l'ordinamento penale? Questi ed altri temi, cruciali nel dibattito penalistico, intridono la controversa dottrina antropologico-criminale di Cesare Lombroso e vengono qui riproposti e discussi in un itinerario che tenta di svilupparne gli autentici presupposti filosofico-giuridici.

La scienza inquieta. Saggio sull'Antropologia criminale di Cesare Lombroso

VELO DALBRENTA, Daniele
2004

Abstract

Esiste, in taluni individui, una inestirpabile propensione al delitto? Se sì, è forse possibile enuclearla in termini scientifici? E che dignità potrebbe vantare, in tal caso, l'ordinamento penale? Questi ed altri temi, cruciali nel dibattito penalistico, intridono la controversa dottrina antropologico-criminale di Cesare Lombroso e vengono qui riproposti e discussi in un itinerario che tenta di svilupparne gli autentici presupposti filosofico-giuridici.
8813251645
Antropologia criminale; Cesare Lombroso; Positivismo penale
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/18853
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact