“Il boccone amaro di Achab”