(Breve presentazione del volume collettaneo) La presenza della sanzione penale ha sempre rappresentato un tema centrale di riflessione per la filosofia del diritto. Lo è oggi più che mai, in un momento di profonda crisi di quella ragione sistematica sulla cui scorta il pensiero moderno ha tentato di individuare il fondamento necessario del punire e le modalità della sua attuazione. Prima di accettare la caduta del relativismo, facilmente generata dal riconoscimento delle aporie dei grandi sistemi penalistici del passato, è opportuno " ripensare la pena" nelle pagine di alcuni maestri del pensiero occidentale per scoprire se vi sia un'alternativa al razionalismo dogmatico e scettico.

Il malessere utilitaristico e l' "antidoto" kantiano

ZANUSO, Francesca
2004

Abstract

(Breve presentazione del volume collettaneo) La presenza della sanzione penale ha sempre rappresentato un tema centrale di riflessione per la filosofia del diritto. Lo è oggi più che mai, in un momento di profonda crisi di quella ragione sistematica sulla cui scorta il pensiero moderno ha tentato di individuare il fondamento necessario del punire e le modalità della sua attuazione. Prima di accettare la caduta del relativismo, facilmente generata dal riconoscimento delle aporie dei grandi sistemi penalistici del passato, è opportuno " ripensare la pena" nelle pagine di alcuni maestri del pensiero occidentale per scoprire se vi sia un'alternativa al razionalismo dogmatico e scettico.
Kant; pena; retribuzionismo; neo-retribuzionismo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/17240
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact