Glicemia post-prandiale e malattie cardiovascolari: evidenze epidemiologiche