Si studia un'acquasantiera, oggi a San Benedetto ma già a San Zeno, decorata con foglie d'acanto e i simboli dei quattro evangelisti; pur con cautela, dato il cattivo stato di conservazione, si avanza una datazione al XIII secolo, di contro alla tradizionale attribuzione al Trecento. Questo bacino, assieme alle colonne ofitiche dell'"altare delle anime" di San Zeno, è stato preso a modello da parte del falsario che ha realizzato un'acquasantiera oggi alla Galleria di Palazzo Cini a Venezia.

L'acquasantiera duecentesca già a San Zeno e ora in San Benedetto.

Silvia Musetti
2022

Abstract

Si studia un'acquasantiera, oggi a San Benedetto ma già a San Zeno, decorata con foglie d'acanto e i simboli dei quattro evangelisti; pur con cautela, dato il cattivo stato di conservazione, si avanza una datazione al XIII secolo, di contro alla tradizionale attribuzione al Trecento. Questo bacino, assieme alle colonne ofitiche dell'"altare delle anime" di San Zeno, è stato preso a modello da parte del falsario che ha realizzato un'acquasantiera oggi alla Galleria di Palazzo Cini a Venezia.
978-88-6947-278-7
gothic sculpture, holy water font, XIII century, symbols of Evangelists
acquasantiera, San Zeno Maggiore, San Benedetto, Verona, Venezia, Galleria di Palazzo Cini, XIII secolo, Duecento, Scultura gotica, simboli degli evangelisti
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/1076528
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact