Il peso della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è cresciuto drammaticamente ed è ora la terza causa di morte, con quasi dieci anni di anticipo rispetto all'anno previsto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). La BPCO è stata riconosciuta essere un killer silenzioso nei Paesi a basso e medio reddito, dove si verificano 9 decessi su 10 per BPCO. I progressi in campo medico compiuti negli ultimi decenni non sono stati sufficienti e, per ottenere una riduzione significativa dei tassi di incidenza, è necessario un nuovo paradigma incentrato sulla salute pubblica e sugli stili di vita. In linea con questo cambiamento di paradigma, le ultime evidenze indicano che i fattori dietetici, identificati come fattori modificabili, possono influenzare lo sviluppo e la progressione della malattia ostruttiva polmonare. In questa tesi si vuole indagare l'associazione tra l'assunzione di flavonoidi nella dieta e gli esiti respiratori nell'indagine multinazionale Burden of Obstructive Lung Disease (BOLD I). In primo luogo, è stata effettuata un'analisi dei dati per valutare il peso della BPCO nei Paesi a basso e medio reddito nell’Africa Subsahariana (SSA) utilizzando i dati dello studio Global Burden of Diseases, Injuries, and Risk Factors Study (GBD). La prevalenza della BPCO nei Paesi dell'Africa subsahariana è aumentata costantemente negli ultimi trent'anni e rimane un importante carico per la salute pubblica, con un contributo significativo alla morbosità e alla mortalità prematura in tutta la regione. È stato dimostrato che i flavonoidi hanno molteplici effetti benefici, tra cui un’azione antinfiammatoria, antiossidante, antimicrobica e antinvecchiamento, che svolgono un ruolo importante nei cambiamenti patologici che portano a limitazioni progressive e persistenti del flusso aereo. Stime dell'assunzione di flavonoidi basate sulla popolazione sono presenti solo nei Paesi ad alto reddito, come gli Stati Uniti e alcuni paesi europei. Le stime dell'apporto dietetico basate sulla popolazione dipendono da quali tabelle di composizione degli alimenti (FCT) vengono impiegate e il contenuto di flavonoidi può variare a seconda della FCT utilizzata. Migliorare la nostra comprensione delle variazioni tra le FCT di riferimento utilizzate per stimare l'assunzione di flavonoidi può contribuire a ridurre le incongruenze nelle associazioni tra flavonoidi ed esiti di salute che si possono trovare nella letteratura scientifica. Abbiamo perciò condotto uno studio di confronto per analizzare in che misura il contenuto di flavonoidi degli alimenti inclusi nel Food Frequency Questionnaire (FFQ) di BOLD varia in base alle diverse FCT internazionali. Abbiamo eseguito una ricerca completa delle FCT con dati sui flavonoidi utilizzando motori di ricerca riconosciuti a livello internazionale come risorsa per trovare dati sulla composizione degli alimenti: PubMed Central, i database elettronici Scopus e il motore di ricerca Google. Sono state selezionate quattro FCT con dati comparabili sui flavonoidi e si sono ricavate le stime sui flavonoidi per gli alimenti inclusi nel BOLD FFQ e disponibili in ciascuna tabella; sono stati inoltre effettuati confronti per gli alimenti comuni tra le tabelle. Il contenuto di flavonoidi negli alimenti variava notevolmente tra le tabelle internazionali. E’ stata riscontrata un'elevata eterogeneità nei livelli di stima dei flavonoidi tra le diverse FCT e queste differenze devono essere tenute in considerazione quando si ricavano le stime dell'assunzione di flavonoidi nelle indagini sulla popolazione. Per ottenere l'assunzione giornaliera di flavonoidi totali e delle loro sottoclassi, la tabella di composizione alimentare dei flavonoidi è stata ricavata principalmente dai database dei flavonoidi del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) e ampliata per includere ulteriori sottoclassi di flavonoidi e alimenti da Phenol-Explorer, The Bioactive Substances in Food Information Systems (eBASIS) e The Indian Food Composition Table (IFCT). È stata stimata l'assunzione giornaliera di flavonoidi nella dieta degli adulti partecipanti all'indagine dietetica BOLD I e sono state esaminate le principali fonti alimentari e la loro distribuzione tra i siti BOLD. L'assunzione giornaliera di flavonoidi totali più alta e più bassa è stata riscontrata rispettivamente in Kirghizistan (Chui e Naryn) e a Tirana in Albania. Per analizzare l'associazione tra l'assunzione giornaliera di flavonoidi con la dieta e gli esiti respiratori è stata eseguita una metanalisi in due fasi sui dati individuali dei partecipanti. Il metodo di metanalisi a varianza inversa a effetti casuali stima i dati aggregati specifici del sito nella prima fase e poi, nella seconda fase, produce una stima totale ponderata. La metanalisi ha mostrato che un aumento di 10 mg nell'assunzione giornaliera di flavoni era inversamente associato all'ostruzione cronica delle vie aeree (FEV1 / FVC

Dietary Flavonoids and Respiratory Outcomes: Evidence from the BOLD Study

Alemayohu, Mulubirhan Assefa
2022

Abstract

Il peso della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è cresciuto drammaticamente ed è ora la terza causa di morte, con quasi dieci anni di anticipo rispetto all'anno previsto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). La BPCO è stata riconosciuta essere un killer silenzioso nei Paesi a basso e medio reddito, dove si verificano 9 decessi su 10 per BPCO. I progressi in campo medico compiuti negli ultimi decenni non sono stati sufficienti e, per ottenere una riduzione significativa dei tassi di incidenza, è necessario un nuovo paradigma incentrato sulla salute pubblica e sugli stili di vita. In linea con questo cambiamento di paradigma, le ultime evidenze indicano che i fattori dietetici, identificati come fattori modificabili, possono influenzare lo sviluppo e la progressione della malattia ostruttiva polmonare. In questa tesi si vuole indagare l'associazione tra l'assunzione di flavonoidi nella dieta e gli esiti respiratori nell'indagine multinazionale Burden of Obstructive Lung Disease (BOLD I). In primo luogo, è stata effettuata un'analisi dei dati per valutare il peso della BPCO nei Paesi a basso e medio reddito nell’Africa Subsahariana (SSA) utilizzando i dati dello studio Global Burden of Diseases, Injuries, and Risk Factors Study (GBD). La prevalenza della BPCO nei Paesi dell'Africa subsahariana è aumentata costantemente negli ultimi trent'anni e rimane un importante carico per la salute pubblica, con un contributo significativo alla morbosità e alla mortalità prematura in tutta la regione. È stato dimostrato che i flavonoidi hanno molteplici effetti benefici, tra cui un’azione antinfiammatoria, antiossidante, antimicrobica e antinvecchiamento, che svolgono un ruolo importante nei cambiamenti patologici che portano a limitazioni progressive e persistenti del flusso aereo. Stime dell'assunzione di flavonoidi basate sulla popolazione sono presenti solo nei Paesi ad alto reddito, come gli Stati Uniti e alcuni paesi europei. Le stime dell'apporto dietetico basate sulla popolazione dipendono da quali tabelle di composizione degli alimenti (FCT) vengono impiegate e il contenuto di flavonoidi può variare a seconda della FCT utilizzata. Migliorare la nostra comprensione delle variazioni tra le FCT di riferimento utilizzate per stimare l'assunzione di flavonoidi può contribuire a ridurre le incongruenze nelle associazioni tra flavonoidi ed esiti di salute che si possono trovare nella letteratura scientifica. Abbiamo perciò condotto uno studio di confronto per analizzare in che misura il contenuto di flavonoidi degli alimenti inclusi nel Food Frequency Questionnaire (FFQ) di BOLD varia in base alle diverse FCT internazionali. Abbiamo eseguito una ricerca completa delle FCT con dati sui flavonoidi utilizzando motori di ricerca riconosciuti a livello internazionale come risorsa per trovare dati sulla composizione degli alimenti: PubMed Central, i database elettronici Scopus e il motore di ricerca Google. Sono state selezionate quattro FCT con dati comparabili sui flavonoidi e si sono ricavate le stime sui flavonoidi per gli alimenti inclusi nel BOLD FFQ e disponibili in ciascuna tabella; sono stati inoltre effettuati confronti per gli alimenti comuni tra le tabelle. Il contenuto di flavonoidi negli alimenti variava notevolmente tra le tabelle internazionali. E’ stata riscontrata un'elevata eterogeneità nei livelli di stima dei flavonoidi tra le diverse FCT e queste differenze devono essere tenute in considerazione quando si ricavano le stime dell'assunzione di flavonoidi nelle indagini sulla popolazione. Per ottenere l'assunzione giornaliera di flavonoidi totali e delle loro sottoclassi, la tabella di composizione alimentare dei flavonoidi è stata ricavata principalmente dai database dei flavonoidi del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) e ampliata per includere ulteriori sottoclassi di flavonoidi e alimenti da Phenol-Explorer, The Bioactive Substances in Food Information Systems (eBASIS) e The Indian Food Composition Table (IFCT). È stata stimata l'assunzione giornaliera di flavonoidi nella dieta degli adulti partecipanti all'indagine dietetica BOLD I e sono state esaminate le principali fonti alimentari e la loro distribuzione tra i siti BOLD. L'assunzione giornaliera di flavonoidi totali più alta e più bassa è stata riscontrata rispettivamente in Kirghizistan (Chui e Naryn) e a Tirana in Albania. Per analizzare l'associazione tra l'assunzione giornaliera di flavonoidi con la dieta e gli esiti respiratori è stata eseguita una metanalisi in due fasi sui dati individuali dei partecipanti. Il metodo di metanalisi a varianza inversa a effetti casuali stima i dati aggregati specifici del sito nella prima fase e poi, nella seconda fase, produce una stima totale ponderata. La metanalisi ha mostrato che un aumento di 10 mg nell'assunzione giornaliera di flavoni era inversamente associato all'ostruzione cronica delle vie aeree (FEV1 / FVC
Flavonoids, COPD, BOLD, respiratory diseases, lung function, FEV1/FVC, risk factors
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
22_09_04 Alemayohu MA PhD Thesis.pdf

embargo fino al 31/12/2023

Descrizione: Alemayohu's PhD thesis
Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Non specificato
Dimensione 7.72 MB
Formato Adobe PDF
7.72 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/1073517
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact