Da quanto Bruner ha rivendicato il ruolo del pensiero narrativo nei processi cognitivi che consentono di interpretare e rappresentare il mondo attribuendogli significato (Bruner, 1991), la narrazione ha iniziato ad essere considerata strumento prezioso nei contesti educativi sia per sostenere lo sviluppo cognitivo (Gerdt et al., 2001), che per facilitare il raggiungimento di obiettivi di apprendimento complessi (Dagher, 1998) e per promuovere le soft skills (Schäfer, Stauber., & Bokan, 2004). Riguardo a quest’ultimo aspetto, i Cognitive Cultural Studies hanno evidenziato come la narrazione, attraverso i processi di identificazione, consente di migliorare la consapevolezza emotiva e le competenze empatiche (Ryan 2004 2010; Zanshine, 2006, 2010; Oatley 2010, Aldama & Hogan, 2014; Gallese e Guerra, 2015 eppure ancora pochissimi sono i percorsi educativi che utilizzano la narrazione a partire dalle indicazioni offerte d questo ambito di studio (Silva, 2013, 2017; Nikolajeva, 2014). Tuttavia la rivoluzione digitale ha cambiato inesorabilmente l’esperienza narrativa dei bambini: per questo motivo, il digital storytelling, una pratica che combina narrazioni testuali e narrazione digitale, è particolarmente adatta per coinvolgere i nativi digitali, stimolando al contempo lo sviluppo delle soft skills e il pensiero critico e riflessivo, grazie al suo essere espressione di un’esperienza di audience attiva. Nonostante le potenzialità di questo strumento, che lo rendono fonte di ricchezza per l’implementazione di esperienze di didattica partecipata e innovativa, esso è ancora poco utilizzato all’interno della scuola primaria (Robin, 2008, 2015). Questo intervento si propone di presentare un percorso educativo per la Scuola Primaria che, a partire da queste considerazioni, utilizza lo strumento del digital storytelling come elemento centrale per la promozione delle soft skills con particolare enfasi sull’autoconsapevolezza emotiva e sullo sviluppo delle competenze empatiche.

Rileggere il Digital Storytelling alla luce dei Cognitive Cutlural Studies: uno strumento per il consolidamento delle life skills

Roberta Silva
2018

Abstract

Da quanto Bruner ha rivendicato il ruolo del pensiero narrativo nei processi cognitivi che consentono di interpretare e rappresentare il mondo attribuendogli significato (Bruner, 1991), la narrazione ha iniziato ad essere considerata strumento prezioso nei contesti educativi sia per sostenere lo sviluppo cognitivo (Gerdt et al., 2001), che per facilitare il raggiungimento di obiettivi di apprendimento complessi (Dagher, 1998) e per promuovere le soft skills (Schäfer, Stauber., & Bokan, 2004). Riguardo a quest’ultimo aspetto, i Cognitive Cultural Studies hanno evidenziato come la narrazione, attraverso i processi di identificazione, consente di migliorare la consapevolezza emotiva e le competenze empatiche (Ryan 2004 2010; Zanshine, 2006, 2010; Oatley 2010, Aldama & Hogan, 2014; Gallese e Guerra, 2015 eppure ancora pochissimi sono i percorsi educativi che utilizzano la narrazione a partire dalle indicazioni offerte d questo ambito di studio (Silva, 2013, 2017; Nikolajeva, 2014). Tuttavia la rivoluzione digitale ha cambiato inesorabilmente l’esperienza narrativa dei bambini: per questo motivo, il digital storytelling, una pratica che combina narrazioni testuali e narrazione digitale, è particolarmente adatta per coinvolgere i nativi digitali, stimolando al contempo lo sviluppo delle soft skills e il pensiero critico e riflessivo, grazie al suo essere espressione di un’esperienza di audience attiva. Nonostante le potenzialità di questo strumento, che lo rendono fonte di ricchezza per l’implementazione di esperienze di didattica partecipata e innovativa, esso è ancora poco utilizzato all’interno della scuola primaria (Robin, 2008, 2015). Questo intervento si propone di presentare un percorso educativo per la Scuola Primaria che, a partire da queste considerazioni, utilizza lo strumento del digital storytelling come elemento centrale per la promozione delle soft skills con particolare enfasi sull’autoconsapevolezza emotiva e sullo sviluppo delle competenze empatiche.
Digital storytelling
Soft skills
Scuola Primaria
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/1060315
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact