Il saggio offre la rilettura di uno dei testi teorico-politici più importanti della tradizione veneziana, il De Republica et Magistratibus venetorum di Gasparo Contarini, con l'obiettivo di evidenziare come la civiltà comunale veneziana opponesse il concreto all'astratto e come una delle ragioni del formidabile successo storico di questa città sia proprio da ricondurre alla sua estraneità a quella celebrazione teologico-politica del potere che, invece, a partire dall'esperienza francese finirà per segnare larga parte dell'esperienza civile moderna

Venezia quale utopia realizzata e "mercato comune del mondo". In margine al De Republica et Magistratibus venetorum di Gasparo Contarini

Carlo Lottieri
2022

Abstract

Il saggio offre la rilettura di uno dei testi teorico-politici più importanti della tradizione veneziana, il De Republica et Magistratibus venetorum di Gasparo Contarini, con l'obiettivo di evidenziare come la civiltà comunale veneziana opponesse il concreto all'astratto e come una delle ragioni del formidabile successo storico di questa città sia proprio da ricondurre alla sua estraneità a quella celebrazione teologico-politica del potere che, invece, a partire dall'esperienza francese finirà per segnare larga parte dell'esperienza civile moderna
978-88-495-4675-0
Venezia
Utopia
Ordine costituzionale
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
LOTTIERI_ESTRATTO_Ius in fabula_2.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso ristretto
Dimensione 636.79 kB
Formato Adobe PDF
636.79 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/1057256
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact