Reflections on Roma, Sinti, and Caminanti (RSC) housing. In the framework of studies relating to marginalization processes and their medium and long-term implications, this paper investigates Roma, Sinti and Caminanti (RSC) housing. Its informality is associated with a certain level of instability that varies based on how a territory reacts and how authorities respond. The paper focuses on Emilia Romagna’s Regional Law 11/2015, which was created after the European Commission Communication 173/2011 and the National Strategy for the Inclusion of Roma, Sinti and Caminanti (RSC) (UNAR). The law was written promoting the participation of Roma and Sinti communities as active and culturally constructive actors in defining processes for emerging, albeit temporarily, from the illegality of consolidated cultural forms of Sinti housing, such as micro-areas.

Nel quadro di studi relativi ai processi di marginalizzazione e ai loro presupposti di medio e lungo periodo, il contributo riflette sull’abitare di Rom, Sinti e Camminanti (RSC), caratterizzato da un’informalità cui si associa un certo livello di instabilità che varia in ragione delle reazioni del territorio e delle risposte delle autorità. Il focus verrà portato sulla L.R. 11/2015 che L’Emilia Romagna ha definito, a seguito della Comunicazione europea 173/2011 e della Strategia nazionale d’inclusione dei RSC (UNAR), anche promuovendo la partecipazione di Rom e Sinti quali soggetti attivi e culturalmente propositivi nella definizione di processi per l’uscita dall’irregolarità, se pure pro tempore, di forme culturali consolidate dell’abitare Sinti, quali le microaree.

Riflessioni sull’abitare Rom, Sinti e Camminanti (RSC)

Masotti Lucia
;
2021

Abstract

Nel quadro di studi relativi ai processi di marginalizzazione e ai loro presupposti di medio e lungo periodo, il contributo riflette sull’abitare di Rom, Sinti e Camminanti (RSC), caratterizzato da un’informalità cui si associa un certo livello di instabilità che varia in ragione delle reazioni del territorio e delle risposte delle autorità. Il focus verrà portato sulla L.R. 11/2015 che L’Emilia Romagna ha definito, a seguito della Comunicazione europea 173/2011 e della Strategia nazionale d’inclusione dei RSC (UNAR), anche promuovendo la partecipazione di Rom e Sinti quali soggetti attivi e culturalmente propositivi nella definizione di processi per l’uscita dall’irregolarità, se pure pro tempore, di forme culturali consolidate dell’abitare Sinti, quali le microaree.
marginality
Roma Sinti Camminanti (RSC)
informal housing
marginalità
Rom Sinti Camminanti (RSC)
abitare informale
Reflections on Roma, Sinti, and Caminanti (RSC) housing. In the framework of studies relating to marginalization processes and their medium and long-term implications, this paper investigates Roma, Sinti and Caminanti (RSC) housing. Its informality is associated with a certain level of instability that varies based on how a territory reacts and how authorities respond. The paper focuses on Emilia Romagna’s Regional Law 11/2015, which was created after the European Commission Communication 173/2011 and the National Strategy for the Inclusion of Roma, Sinti and Caminanti (RSC) (UNAR). The law was written promoting the participation of Roma and Sinti communities as active and culturally constructive actors in defining processes for emerging, albeit temporarily, from the illegality of consolidated cultural forms of Sinti housing, such as micro-areas.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/1057181
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact