Louis-Sebastien Mercier in “The Year 2440” (1771) adds an element of novelty to the utopian novel with his narrative of the ideal society set in an ‘elsewhere’ based not on space but time. In fact, his is the first alternate history novel: set in a distant future but in Paris, not some island in a faraway sea. In 2440 the principles of the Enlightenment have been successfully applied and society thoroughly reformed through Reason, without resorting to revolutionary uprisings. Thus the fundamental optimism of Enlightened thought becomes an idea of progress and social justice transforming and improving the lives of the citizens. The laws are applied fairly and impartially, the king no longer has absolute power over his subjects, religion is separate from the government of the State, the individual receives honors and public offices for his/her achievements and capabilities, not for the merits of ancestors: and so the novel anticipates many of the reforms that will be introduced shortly after the French Revolution.

Con L’An 2440 (1771) Louis-Sébastien Mercier introduce un elemento di novità nel genere del romanzo utopico, poiché ambienta la narrazione della società ideale in un “altrove” basato non sullo spazio ma sul tempo. Si tratta della prima narrazione ucronica: ambientata in un futuro lontano, ma a Parigi, non su un’isola in mari esotici. Nel 2440 i principi dell’illuminismo sono ormai applicati con successo e la società è stata profondamente riformata, seguendo la Ragione e senza ricorrere a moti rivoluzionari. L’ottimismo di fondo del pensiero illuministico si traduce quindi in un’idea di progresso e di giustizia sociale che trasforma e migliora la vita dei cittadini. Il diritto viene applicato con equità ed imparzialità, il re non ha più un potere assoluto sui sudditi, la religione è separata dal governo dello Stato, ciascuno ottiene onori e cariche pubbliche per le proprie capacità e non per i meriti degli antenati: nel romanzo si anticipano dunque molte delle riforme introdotte pochi anni dopo dalla Rivoluzione francese.

"L’An 2440" di Louis-Sébastien Mercier: un’ucronia illuministica alla vigilia della Rivoluzione francese

Rossi, Giovanni
2021

Abstract

Con L’An 2440 (1771) Louis-Sébastien Mercier introduce un elemento di novità nel genere del romanzo utopico, poiché ambienta la narrazione della società ideale in un “altrove” basato non sullo spazio ma sul tempo. Si tratta della prima narrazione ucronica: ambientata in un futuro lontano, ma a Parigi, non su un’isola in mari esotici. Nel 2440 i principi dell’illuminismo sono ormai applicati con successo e la società è stata profondamente riformata, seguendo la Ragione e senza ricorrere a moti rivoluzionari. L’ottimismo di fondo del pensiero illuministico si traduce quindi in un’idea di progresso e di giustizia sociale che trasforma e migliora la vita dei cittadini. Il diritto viene applicato con equità ed imparzialità, il re non ha più un potere assoluto sui sudditi, la religione è separata dal governo dello Stato, ciascuno ottiene onori e cariche pubbliche per le proprie capacità e non per i meriti degli antenati: nel romanzo si anticipano dunque molte delle riforme introdotte pochi anni dopo dalla Rivoluzione francese.
978-88-495-4675-0
Mercier, utopia, uchronia, French Revolution
Mercier, utopia, ucronia, Rivoluzione Francese
Louis-Sebastien Mercier in “The Year 2440” (1771) adds an element of novelty to the utopian novel with his narrative of the ideal society set in an ‘elsewhere’ based not on space but time. In fact, his is the first alternate history novel: set in a distant future but in Paris, not some island in a faraway sea. In 2440 the principles of the Enlightenment have been successfully applied and society thoroughly reformed through Reason, without resorting to revolutionary uprisings. Thus the fundamental optimism of Enlightened thought becomes an idea of progress and social justice transforming and improving the lives of the citizens. The laws are applied fairly and impartially, the king no longer has absolute power over his subjects, religion is separate from the government of the State, the individual receives honors and public offices for his/her achievements and capabilities, not for the merits of ancestors: and so the novel anticipates many of the reforms that will be introduced shortly after the French Revolution.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/1056912
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact