Il volume approfondisce la figura giuridica del ‘nexum’, con specifico riguardo alla sua struttura e alla sua funzione nelle diverse epoche del diritto romano, proponendo un’esegesi delle fonti che valorizza la specola del singolo autore. Dopo la ricostruzione dello stato dell’arte, ove peculiare attenzione è rivolta alle opere degli autori tedeschi, lo studio monografico esamina le prime testimonianze di Dionigi di Alicarnasso, risalenti al regno di Servio Tullio e, nell’instaurare un paragone con le forme di dipendenza del diritto soloniano, evidenzia la peculiarità della posizione dei ‘nexi’. La riflessione si sposta poi sul versante dell’‘agere’: dalla lettura parallela di alcuni frammenti liviani e dionisiani è emersa l’idea di un ‘modus agendi’ relativo ai ‘nexi’. In un’ottica ‘personalistica’, si procede quindi al commento critico di Tab. 1.5 e 6.1, per poi discutere le celeberrime definizioni propugnate da giuristi (Varro ‘ling’. 7.105) e grammatici (Fest. voce ‘nexum’, voce ‘nexum aes’), nella cornice dell’antico mutuo. La disamina si conclude con l’introduzione della ‘lex Poetelia Papiria’, cui è attribuita portata modificativa, in considerazione di alcuni passi del Digesto che attestano la sopravvivenza del ‘nexum’ nella fisionomia dell’‘hypotheca ante litteram’.

'Nexum'. Struttura e funzione di un vincolo giuridico

Isabella Zambotto
2021

Abstract

Il volume approfondisce la figura giuridica del ‘nexum’, con specifico riguardo alla sua struttura e alla sua funzione nelle diverse epoche del diritto romano, proponendo un’esegesi delle fonti che valorizza la specola del singolo autore. Dopo la ricostruzione dello stato dell’arte, ove peculiare attenzione è rivolta alle opere degli autori tedeschi, lo studio monografico esamina le prime testimonianze di Dionigi di Alicarnasso, risalenti al regno di Servio Tullio e, nell’instaurare un paragone con le forme di dipendenza del diritto soloniano, evidenzia la peculiarità della posizione dei ‘nexi’. La riflessione si sposta poi sul versante dell’‘agere’: dalla lettura parallela di alcuni frammenti liviani e dionisiani è emersa l’idea di un ‘modus agendi’ relativo ai ‘nexi’. In un’ottica ‘personalistica’, si procede quindi al commento critico di Tab. 1.5 e 6.1, per poi discutere le celeberrime definizioni propugnate da giuristi (Varro ‘ling’. 7.105) e grammatici (Fest. voce ‘nexum’, voce ‘nexum aes’), nella cornice dell’antico mutuo. La disamina si conclude con l’introduzione della ‘lex Poetelia Papiria’, cui è attribuita portata modificativa, in considerazione di alcuni passi del Digesto che attestano la sopravvivenza del ‘nexum’ nella fisionomia dell’‘hypotheca ante litteram’.
nexum, nexi, mutuo, fiducia, obbligazioni, lex Poetelia Papiria
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
I.ZAMBOTTO_Nexum_Struttura e funzione di un vincolo giuridico.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso ristretto
Dimensione 1.66 MB
Formato Adobe PDF
1.66 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/1056896
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact